Db Magazine April 12, 2021

Gli investimenti, ai tempi del Covid, diventano sempre più “green”

Il 2020 è stato l’anno dei record per i prodotti ESG (Environmental, Social, Governance). Le masse raccolte nel mondo hanno raggiunto i 7 triliardi di dollari nei primi 3 trimestri del 2020, più che triplicando la cifra del 2019. Oggi il focus non è più solo sulle questioni ambientali ma anche su quelle sociali, e si punta su strumenti come i social bond.

Il 2020 è stato l’anno dei record per gli investimenti ESG (Environmental, Social, Governance), ormai definiti come uno dei “megatrend” del mondo della finanza. Le masse investite in prodotti sostenibili, non solo dal punto di vista ambientale ma anche sociale e in relazione alla buona governance, hanno raggiunto la quota record di 7 triliardi di dollari nei primi tre trimestri del 2020, più che triplicando la cifra relativa al 2019 (1,9 miliardi). E gli esperti del settore già parlano di un boom ancora maggiore per il 2021.

Guardando nello specifico all’Europa, i risparmiatori hanno investito oltre 223 miliardi di euro, il doppio rispetto ai 126 miliardi del 2019. L’aumento è stato anche premiato da una miglior performance in termini di rendimento.
Secondo Morningstar (società che fornisce dati e analisi su investimenti, strumenti di analisi e gestione del portafoglio) ad esempio nel 2020 “la miglior categoria del risparmio gestito in Europa è stata quella degli azionari energie alternative, che investono in segmenti come l’eolico, il solare, l’idroelettrico e il nucleare, con una performance media superiore al 62%”.
Non sono, poi, solo i clienti ad avere più familiarità con le tematiche ambientali o sociali, ma anche le imprese iniziano a comprendere quanto una trasformazione green sia fondamentale per ottenere successo.

L’aumento del fattore S

A crescere a ritmi sostenuti sono state principalmente le forme di investimento legate all’ambiente. Nel corso dell’ultimo anno, infatti, sono state lanciate numerose soluzioni con focus, ad esempio, sulla lotta al cambiamento climatico o sulla transizione energetica.
A confermare l’interesse per il green è anche un recente rapporto dell’Associazione Italiana Private Banking (AIPB), che ha analizzato gli effetti della pandemia e gli impatti sulle scelte di investimento. Il 53% degli intervistati ha dichiarato di essere maggiormente attento al comportamento sostenibile delle aziende da cui acquista prodotti o servizi. Il 36% fa lo stesso in relazione ai risparmi.

Ad aumentare, però, è anche l’interesse per la “S” di ESG, la componente legata a tematiche sociali. Un esempio sono i social bond, emissioni obbligazionarie che oltre a garantire un rendimento al sottoscrittore, devolvono parte dei proventi a progetti sociali, ad esempio a supporto delle fasce più deboli della popolazione.

Il nuovo regolamento SFDR

Se, inizialmente, l’investimento sostenibile è stato considerato una moda ora è diventato uno standard a cui è assolutamente necessario adeguarsi. Lo conferma anche la Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR), entrata in vigore in tutta Europa il 10 marzo 2021. La normativa disciplina il mondo degli strumenti finanziari ESG, attraverso regole sulla rendicontazione di quelli che vengono definiti “rischi di sostenibilità” all’interno dei portafogli. Banche, società di gestione del risparmio, asset manager e consulenti sono ora tenuti a comunicare, con informazioni chiare e trasparenti, come questi rischi vengano tenuti in considerazione nei processi decisionali e come potrebbero impattare sui rendimenti.

A cura della redazione di OFNetwork


Prodotti e servizi in primo piano


Disclaimer area db Magazine 

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo https://www.deutsche-bank.it/db-Magazine.html sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi.  Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.