Themen:
db Premium Magazine CIO View June 28, 2022

Coralli: le foreste del mare

Coralli: bellezza e benefici

Fino a un miliardo di persone in tutto il mondo beneficiano quotidianamente della generazione di reddito, della protezione e della sicurezza alimentare garantite dalle barriere coralline1.

CIO-Coralli-le-foreste-del-mare-articolo

I piccoli Stati insulari e molti Paesi in via di sviluppo dipendono dalle barriere coralline. Quasi 200 milioni di persone in tutto il mondo si guadagnano da vivere grazie alla pesca, con una pesca nella barriera corallina del valore di 6 miliardi di dollari e 6 milioni di pescatori di corallo 2,3. Contribuiscono ogni anno con circa 30 miliardi di dollari al PIL mondiale4.

I coralli non sono solo belli da vedere, ma forniscono rifugio e dimora a migliaia di altre specie. Infatti, mentre le barriere coralline coprono meno dell'1% dell'oceano, sostengono il 25% di tutta la vita marina5 . Forniscono, ad esempio, vivai per specie di grande importanza per la pesca commerciale6.

Le barriere coralline proteggono anche le coste, fornendo frangiflutti autoriparanti. Barriere coralline sane possono ridurre drasticamente l'energia delle onde in arrivo. I punti sollevati hanno implicazioni importanti. Anche una perdita di un metro di altezza della barriera corallina può raddoppiare i danni arrecati alla costa e triplicare i costi di un evento meteorologico estremo7  . Senza le barriere coralline, il costo dei danni causati da eventi tempestosi di 100 anni potrebbe quasi raddoppiare8.

Le scogliere possono aiutarci in altri modi, e non solo attraverso il loro fascino turistico. Ad esempio, possono fornire composti medicinali con potenziali usi nei trattamenti per il cancro, l'Alzheimer e numerose altre malattie come l'artrite e le infezioni batteriche.

Quali sono le caratteristiche di una barriera corallina?

I coralli sono animali viventi che vivono nell'oceano. Ogni singolo corallo esiste come una colonia composta da più piccoli polipi di corallo identici. Ovunque i coralli costituiscano le fondamenta di un habitat sottomarino, si verifica una barriera corallina. Le barriere coralline sono ecosistemi marini complessi che includono diverse collezioni di pesci colorati e altre creature marine. Ma cos'è che permette ai coralli di crescere e supportare così tanta fauna selvatica?

Un corallo è composto da molti polipi

Tutte le colonie di corallo sono costituite da polipi, che sono i loro mattoni di base. I coralli hanno bisogno di loro per crescere, nutrirsi e riprodursi, creando un ecosistema vario e colorato.

I coralli costruiscono le barriere coralline

I coralli hanno bisogno di calcio e carbonato di acqua salata per creare il loro scheletro. Sia le strutture dei coralli che l'architettura complessiva della barriera corallina sono fornite da questo scheletro.

Le barriere coralline forniscono cibo e protezione

I coralli sono le fondamenta di una complessa catena alimentare che permette alla vita marina di prosperare sulle barriere coralline.9


Perché i coralli sono a rischio

I coralli sono animali non piante. I polipi molli all'interno delle sezioni dure dei coralli sono intrinsecamente trasparenti e le alghe che vivono al loro interno conferiscono loro le tonalità brillantemente vivide.
Quando i coralli sono disturbati, a causa delle alte temperature o dell'inquinamento, spesso espellono queste alghe e diventano bianchi. Tali coralli "sbiancati" sono ancora vivi ma vulnerabili, essendo in effetti immunocompromessi. Molti muoiono di fame e muoiono, diventando poi di colore marrone scuro.

Purtroppo, stiamo attualmente vivendo il più lungo evento globale di sbiancamento dei coralli mai osservato10. Le temperature più calde a causa di correnti oceaniche insolite sono il principale colpevole.

Eventi di sbiancamento ripetuti o prolungati possono uccidere le barriere coralline che hanno impiegato secoli per formarsi. L'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha avvertito che se il riscaldamento globale raggiungesse l'obiettivo di 1,5°C, il 75-90% delle barriere coralline del mondo potrebbe morire11. Un riscaldamento di 2°C potrebbe estinguere tutti i coralli tropicali.


Coralli e alghe dipendono reciprocamente l'uno dall'altro per prosperare

Coralli sani

I coralli hanno un'associazione simbiotica con le zooxantelle, che sono minuscole alghe che dimorano nei loro tessuti e danno loro il colore. Inoltre, la principale fonte di nutrimento dei coralli proviene da queste alghe.



Se sotto stress, le alghe lasciano il corallo

Coralli sotto stress

Le alghe lasciano il tessuto del corallo quando il legame simbiotico è disturbato dall'aumento della temperatura dell'oceano o dall'inquinamento.



Il corallo viene lasciato sbiancato e a rischio di morte

Corallo sbiancato

Senza alghe, il corallo perde la sua principale fonte di nutrimento, diventa bianco o pallido e diventa più incline alle malattie.12


Qual è la causa dello sbiancamento?

  • Sovraesposizione alla luce del sole
    Quando le temperature sono elevate, l'irraggiamento solare elevato contribuisce allo sbiancamento dei coralli in acque poco profonde
  • Cambiamento della temperatura
    L'aumento delle temperature oceaniche indotto dal cambiamento climatico è la causa principale dello sbiancamento dei coralli
  • Deflusso e inquinamento
    Le precipitazioni generate dalle tempeste possono diluire rapidamente l'acqua oceanica e il deflusso può trasportare sostanze inquinanti, che possono sbiancare i coralli vicino alla costa
  • Maree estremamente basse
    L'esposizione all'aria durante le maree estremamente basse può causare lo sbiancamento dei coralli poco profondi13

Cosa possiamo fare

Ci sono molte cose pratiche che possiamo fare per aiutare le barriere coralline. Possiamo migliorare la qualità dell'habitat per i coralli e migliorare la loro resilienza. Possiamo ridurre l'effetto diretto degli esseri umani (ad esempio, con un turismo meno invasivo) e possiamo utilizzare meglio la piantumazione dei coralli per aiutare a salvaguardare le aree costiere.

Sappiamo come fare parte di questo. Sappiamo come impiantare direttamente frammenti di corallo sulle barriere coralline, ad esempio, o coralli "da giardino" tramite la coltivazione in vivaio prima del reimpianto sulla barriera corallina. È anche possibile la propagazione delle larve, prima che vengano rilasciate per connettersi a una barriera corallina. Semplifichiamo la coesistenza delle barriere coralline con le misure di protezione costiera (ad esempio, armature rocciose, dighe e costruzioni costiere). Alcune di queste misure saranno locali e altre globali. Alcuni saranno progettati e altri saranno basati sulla natura. Avremo bisogno di un approccio su più fronti che esamini attentamente l'efficienza di ogni dollaro speso.

Ma ciò di cui abbiamo anche bisogno è una maggiore comprensione. Le lacune nella conoscenza scientifica sui coralli sono sostanziali. Vorremmo aiutare a colmare alcune di queste lacune e quindi la prima iniziativa che sarà finanziata dal nostro DB Ocean Resilience Philanthropy Fund è la Future Climate Coral Bank. Si tratta di un progetto di ricerca alle Maldive guidato da The Maldives Coral Institute (MCI).
È progettato per identificare specie di corallo resistenti ai cambiamenti climatici e conservarle in una banca dati genetica. Approfittando dei recenti sviluppi tecnologici, questo progetto è all'avanguardia tra gli sforzi internazionali per trovare modi per aumentare la resilienza delle barriere coralline per migliorare le prospettive delle comunità dipendenti dai coralli in futuro. Siamo sicuri che i nostri clienti vorranno supportare una ricerca così essenziale.