db Premium Magazine CIO View July 22, 2022

ESG e performance: sfide all'orizzonte?

Gli investimenti ESG stanno entrando in una nuova fase di consolidamento e riorientamento. Occorre una migliore comprensione dei legami tra ESG, rendimenti del portafoglio e i diversi tipi di rischio.

CIO-special-ESGeperformance-sfide-all-orizzonte-articolo

Introduzione

Gli investimenti ESG negli ultimi anni sono passati da tema di nicchia a parametro centrale per molti investitori. Dopo le prime due fasi – di accettazione, poi di rapida crescita – siamo ora entrati in una terza fase.

Questa terza fase è caratterizzata da un certo grado di consolidamento e ri orientamento. Gli investitori stanno diventando sempre più consapevoli della performance degli investimenti ESG, sia in termini di rendimenti finanziari che di "rendimenti del mondo reale" (ovvero effetti positivi sul mondo che ci circonda).

L'informazione sarà la chiave di questa terza fase. Ha sempre alimentato le aspettative sulle due tradizionali dimensioni di investimento del business e dello sviluppo economico. L'informazione ci consentirà ora anche di valutare la nuova terza dimensione dell'investimento: i limiti che un ambiente naturale in deterioramento pone al modo in cui gli investitori e come le imprese possono agire. Questa variabile esogena del collasso ambientale (E) può anche richiedere un approccio diverso rispetto a quello più endogeno sociale (S) e di governance (G).

I criteri ESG rappresentano un importante cambiamento nell'ambiente sociale, economico e finanziario e tali cambiamenti di regime sollevano sempre interrogativi su come gli investitori dovrebbero valutarli. Come rileva questo rapporto, sono stati condotti molti studi sugli effetti dei criteri ESG sui rendimenti degli investimenti, ma eventuali valutazioni in questo caso devono ancora essere accuratamente qualificate.

Come per qualsiasi investimento, la performance relativa degli investimenti ESG dipenderà ovviamente da come vengono confrontati nel periodo di tempo scelto. Un esempio delle difficoltà che gli investitori devono affrontare nel valutare la performance è che i rating degli investimenti ESG variano tra le agenzie di rating e sono anche cambiati nel tempo.

Pertanto, per tutti questi motivi, qualsiasi analisi o presentazione della performance ESG (ad esempio, Figura 1) deve essere trattata con grande attenzione. Problemi di misurazione simili si applicano ai confronti della volatilità relativa degli asset ESG.

Figura 1: Rendimento totale medio dei titoli dell’S&P in base al rating ESG

Figura-1-ESG-e-sostenibilita-a-confronto

Fonte: Bloomberg Finance L.P., MSCI, Deutsche Bank AG. Dati all’8 Luglio 2022.

Le barre del grafico mostrano la performance annuale dei panieri di azioni S&P, creati sulla base dei loro rating MSCI ESG. Come mostrato nel grafico, questi panieri non includono un numero simile di titoli e ciò influirà su qualsiasi valutazione della performance relativa. Rendimento totale medio dei titoli S&P 500 con i rispettivi rating ESG (i rating si riferiscono all'ultimo rating ESG di MSCI, AAA=25 società, AA=117 società, A=151 società, BBB=126 società, BB=53 società, B=11 società, CCC=2 società)

Allora perché investire seguendo i criteri ESG? Una prima risposta potrebbe essere che è meglio investire in aziende che stanno cercando in qualche modo di affrontare le complesse sfide ambientali e sociali che il mondo deve affrontare, piuttosto che in quelle aziende che sembrano ignorarle.

È probabile che questa risposta altruistica (e forse semplicistica) sia supportata da considerazioni pratiche. Riteniamo che le aziende con strategie per affrontare questioni ambientali, sociali e di governance siano in grado, in generale, di dimostrarsi migliori nell'affrontare un contesto ambientale e normativo sempre più complesso.

Dal punto di vista del portafoglio, questa capacità delle aziende con strategie ESG di navigare in un ambiente difficile può essere preziosa. Al contrario, investire in aziende prive di una strategia ESG coerente può comportare una corsa ad ostacoli a lungo termine, con aziende meno conformi ai criteri ESG che lottano per adattarsi agli sviluppi normativi e di altro genere. Se ciò si traduce in più tagli e modifiche degli investimenti per sostituire i non performanti, ciò comporterà dei costi per un portafoglio, anche perché gli errori di "market timing" nell'ingresso o nell'uscita dagli investimenti possono essere costosi.

Chiaramente, nel breve termine, le strategie ESG possono tuttavia sottoperformare. Ciò è stato evidente nel 2022, con molte strategie ESG in ritardo rispetto ai tradizionali peer non ESG. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le società legate all'energia e alla difesa (vincitrici a causa effetti a catena della guerra Russia/Ucraina) sono spesso escluse dalle strategie ESG.

Gli investimenti ESG continueranno ad evolversi. La fornitura di dati più standardizzati è solo un primo passo e proseguirà il dibattito su come incorporare al meglio i criteri ESG nei processi di investimento: questi sono sempre più visti come un ulteriore livello di valutazione della qualità oltre alle tradizionali metriche economiche e finanziarie. Questioni come il rischio richiedono una definizione e un'analisi molto attente, per i motivi che esamineremo di seguito. Gli investitori continueranno inoltre a cercare nuovi modi per misurare i reali effetti positivi degli investimenti ESG sul mondo che ci circonda (ad esempio sulla biodiversità e attraverso la comprensione del concetto di «natural capital»).

Ma questo è un viaggio a cui si deve prendere parte: in definitiva, tutti gli investimenti sono investimenti ESG. Qualunque sia l'esatta portata del futuro aumento della temperatura globale o della perdita di biodiversità, le questioni ambientali non scompariranno e anche i fattori sociali e di governance rimarranno sotto il microscopio. In questo contesto, è razionale tenere conto dei fattori non finanziari nella valutazione degli investimenti e la digitalizzazione facilita l'accesso alle informazioni per farlo. Gli investimenti ESG sono diventati un modo efficace per adattare i portafogli a questa nuova realtà globale.

Key takeaways

  • Gli investimenti ESG sono passati a una nuova terza fase caratterizzata da un certo grado di consolidamento e ri orientamento. L'informazione sarà la chiave di questa fase.
  • La gestione della trasformazione ESG comporterà il raggiungimento del consenso sulle definizioni ESG e continueranno numerose iniziative per una migliore divulgazione.
  • È probabile che ci sia anche una maggiore attenzione alle misurazione dell'impatto nel "mondo reale" degli investimenti ESG e alla migliore comprensione dei diversi tipi di rischio associati.
  • Riteniamo che le aziende con una strategia ESG coerente abbiano maggiori probabilità, in generale, di affrontare i complessi problemi ambientali e sociali globali che ci attendono. Questo sarà importante dal punto di vista della gestione del portafoglio.

Scarica il report completo in pdf

Autori:

  • Markus Müller - Chief Investment Officer ESG & Global Head of Chief Investment Office Deutsche Bank - Private Bank
  • Lorenz Vignold-Majal - Investment Strategist - Deutsche Bank
  • Ivo Višić - Senior Investment Officer - Deutsche Bank

Il presente materiale viene divulgato unicamente a scopo informativo e non deve essere interpretato come un’offerta, una raccomandazione o un invito all’acquisto o alla vendita di investimenti, titoli, strumenti finanziari o altri prodotti specifici, per la conclusione di una transazione o la fornitura di servizi di investimento o di consulenza sugli investimenti o per la fornitura di ricerche in materia di investimenti o raccomandazioni in merito agli investimenti, in qualsiasi giurisdizione. Per maggiori informazioni si prega di leggere la sezione ”Informazioni importanti” presente nel del report completo scaricabile dal link di cui sopra.


Glossario

  • La correlazione è una misura statistica di come due titoli (o altre variabili) si muovono in relazione tra loro.
  • La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) è una nuova normativa dell'UE che rafforza e standardizza le informazioni fornite da circa 50.000 società operanti nell'UE sulle questioni ESG.
  • L’ investimento ESG persegue obiettivi ambientali, sociali e di governance aziendale.
  • ESMA è l'acronimo di European Securities and Markets Authority (ESMA), un'autorità indipendente dell'Unione Europea (UE) che contribuisce a salvaguardare la stabilità del sistema finanziario dell’UE migliorando la protezione degli investitori e promuovendo mercati finanziari stabili e ordinati.
  • L'International Capital Market Association (ICMA) rappresenta oltre 600 membri attivi nei mercati internazionali dei capitali e dei titoli.
  • The International Sustainability Standards Board (ISSB) was set up in 2021 to establish of global baseline for sustainability-related disclosure standards relevant to investors and other capital market participants.
  • Il capitale naturale si riferisce agli elementi dell'ambiente naturale che includono beni come le foreste, l'acqua, gli stock ittici, i minerali, la biodiversità e la terra.
  • Il Sistema di contabilità economica ambientale (VediA) riunisce le informazioni economiche e ambientali in un quadro comune per misurare le condizioni dell'ambiente, il contributo dell'ambiente all'economia e l'impatto dell'economia sull'ambiente.
  • Il regolamento sulla divulgazione della finanza sostenibile (SFDR) è stato introdotto per la prima volta nel 2018 e obbliga le aziende a divulgare le metriche ESG sia a livello di entità che di prodotto (ad esempio per le catene di approvvigionamento). Sarà sostituita dalla CSRD (vedi sopra).
  • La Taskforce of Climate-related Financial Disclosures (TCFD) conta 31 membri, che rappresentano sia i preparatori che gli utilizzatori delle informazioni finanziarie.
  • TNFD è l'acronimo di Taskforce on Nature-related Financial Disclosures, i cui membri cercano di stabilire e promuovere l'adozione di un quadro integrato di gestione e divulgazione del Rischio per promuovere la coerenza a livello mondiale per l'informativa sulla natura.
  • Il costo medio ponderato del capitale (WACC) è il costo medio del capitale di un'impresa, ponderato in base alla proporzione di diverse tipologie di capitale nella sua struttura patrimoniale.